HOME PAGE


Da alcuni anni Ribolla ha una nuova squadra di Maggerini. I Torelli di Maremma sono una squadra di ragazzi molto giovani che cercano di portare avanti le antiche tradizioni del proprio territorio. I Torelli abbinano ai brani tradizionali del Maggio altre canzoni allegre popolari e brani scritti da loro stessi. L'ottima vena artistica dei due poeti e l'energia con la quale questi ragazzi si esibiscono sul palco hanno fatto sì che il gruppo riscuotesse consensi dagli esperti del settore, tanto che per cinque anni consecutivi è arrivato perfino l'invito per il raduno che si tiene ogni anno in Grancia, vicino Grosseto, al quale partecipano le migliori squadre di Maggerini della provincia.

Ad animare le serate di poesia estemporanea è sicuramente il contrasto una sorta di "dibattito in rima", vera e propria gara di abilità fra due o più poeti che può continuare per ore ed ore. Nel contrasto è il pubblico a decidere, di volta in volta, il tema della "discussione in ottava"; una parte di questo tema viene poi assegnato a ciascun poeta mediante sorteggio. Un interessante esempio di contrasto ci pare sicuramente quello tenuto da Niccolino Grassi e Libero Vietti durante l'incontro di poesia del '92 a Ribolla ed intendiamo riproporlo sia per la novità del tema: La zappa e il computer, sia per la particolarità delle argomentazioni trattate. Ne presentiamo quindi una trascrizione che, per quanto fedele alla registrazione magnetica, presenta tuttavia le difficoltà, peraltro comuni a molte ricerche folkloriche, di riportare su una base ortografica il materiale orale. Lo soluzione scelta, comunque, intende privilegiare essenzialmente una facile fruizione da parte del lettore senza tener conto degli allungamenti vocalici e delle altre particolarità poetiche che caratterizzano l'esecuzione cantata. Inizia Niccolino Grassi con una ottava di critica ad un articolo del giornale La Nazione che metteva in relazione la poesia estemporanea con il vino.

Dal 2003 a Ribolla si è tornati a festeggiare la befana recuperando una tradizione che si era persa nel corso degli anni. Quest'anno la Befana ha visitato gli anziani di Ribolla alla sala Arci e la popolazione di Montemassi cercando di portare con i suoi canti un segno di pace a tutti. Domenico Gamberi è senz'altro l'anima della Festa della Poesia Estemporanea di Ribolla e di tutte le manifestazioni riguardanti le tradizioni Popolari del suo paese. La sua grande passione per la cultura popolare lo ha spinto per tutti questi anni ad affrontare grosse difficoltà dovute all'organizzazione degli incontri di poesia, anche perché è stato aiutato. Domenico è anche un Maggerino e talvolta non disdegna neanche di improvvisare qualche ottava. Basta vedere la sua gioia quando sente cantare una canzone del Maggio, o quando sente un ottava soprattutto di qualche giovane poeta, per capire come ami tutto ciò che è legato alla sua Terra di Maremma. Noi vogliamo ringraziarlo pubblicamente, anche se lui preferisce rimanere sempre dietro le quinte lasciando i meriti agli altri. Credeteci comunque se vi diciamo che senza di lui non saremmo qui a parlare di Poesia Estemporanea a Ribolla.

Vietti - Io son disposto in tutte l'occasione Grassi - Io per dì 'l vero mi sento più agitato Vietti - Non posso darti torto né ragione Grassi - Col trattore moderno e coll’arato Vietti - Lasciamo giudicare alle persone Grassi - Speriamo il mondo venga migliorato Vietti - Oggi il computer vive e ne soggiorna secondo me a la zappa ‘un ci si torna.

I poeti italiani più apprezzati

Far poesia significa esprimere la vita e scoprire le sue verità e menzogne. Significa descrivere, criticare, denunciare, abbracciare la realtà nelle sue contraddizioni più grandi, trovando la forma lirica più adatta e le parole più adeguate al contenuto che si vuole condividere con il proprio pubblico. Tantissimi sono i poeti impegnati in questa direzione, ma certamente possiamo ricordare che, dal punto di vista storico, la lirica trecentesca ha lasciato un segno indelebile nel panorama letterario e culturale italiano.

Questo perché esponenti come Francesco Petrarca e Dante Alighieri hanno saputo comporre opere di gran valore artistico, rispettivamente il Canzoniere e la Divina Commedia, che hanno creato un repertorio di stilemi e formule letterarie uniche nel loro genere. Esempi importanti per poeti e letterati successivi, tappe significative della nostra letteratura che ancora oggi vengono analizzate e approfondite in tutti gli istituti italiani. A cavallo tra Settecento e Ottocento si situa un’ altra importante figura letteraria, Ugo Foscolo, poeta e scrittore capace di far coesistere all’interno della propria poetica elementi appartenenti ai movimenti del Romanticismo e del Neoclassicismo.

In particolare, ne Dei sepolcri, Foscolo sottolinea il significato della morte e il valore dell’atto di preghiera che accompagna la dipartita di un defunto, azione che deve essere concretizzata sottoforma di un segno visibile, una lapide personale e un cimitero collettivo, entrambi oggetto di discussione a seguito dell’editto di Saint Cloud emanato da Napoleone Bonaparte. Spostandoci verso il Novecento, troviamo invece Giuseppe Ungaretti, poeta particolarmente apprezzato per l’apparente semplicità dei versi che si rivelano in verità essere carichi di metafore e immagini poetiche veramente profonde. Soprattutto tenendo presente il contesto storico in cui Ungaretti scrive: la prima guerra mondiale, l’atrocità dei campi di battaglia, il dolore vissuto nelle trincee, la desolazione dei villaggi distrutti e l’insensatezza di migliaia di giovani vite spezzate. Infine, possiamo menzionare il grande lavoro svolto dalla celeberrima Alda Merini, aforista e poetessa milanese.

La Terra Santa è frutto di un’intensa osservazione di ciò che accade all’interno dei centri psichiatrici, un’esperienza intima e profonda che tocca da vicino l’artista e che più volte si ripresenterà in tutta la sua poetica. Per coloro che amano sentire dal vivo la lettura di versi famosi ed opere poetiche di notevole bellezza, non c’è niente di meglio che recarsi in una biblioteca, in una libreria o in un circolo letterario e partecipare ad un evento fatto appositamente per promuovere l’amore per la poesia. Potete farvi accompagnare da amici, parenti e una escort dal http://www.escortforumit.xxx, e passare così una piacevole serata coltivando la vostra passione per la letteratura e i versi, scoprendo nuovi talentuosi autori e poeti.

La varietà di opere pubblicate da autori italiani è incredibile e in grado di soddisfare qualsiasi tipo di gusto letterario. Dalla grande ricchezza di immagini, figure retoriche e allegorie proprio del periodo rinascimentale, ai versi maggiormente rivoluzionari e solenni dell’epoca ottocentesca, fino ad arrivare allo sperimentalismo del Novecento. I poeti cercano di trasmettere delle verità che riguardano la vita, delle piccole pillole di saggezza che ci interessano come individui e il cui impatto è tale da riuscire a farci meditare e riflettere sulla nostra quotidianità.